Pfizer, -26% utile netto ma fatturato cresce grazie a Wyeth

Aziende | | 07/05/2010 15:20

Il gigante americano del farmaco Pfizer rende noto il bilancio del primo trimestre 2010: l'utile netto è sceso del 26% a 2,03 miliardi di dollari, mentre il fatturato si attesta a 16,8 miliardi, in crescita del 54%. Il 48% dell'incremento è riconducibile a prodotti di Wyeth, recentemente acquistata da Pfizer.
Le vendite biofarmaceutiche hanno registrato un balzo del 44% a 14,5 miliardi dollari e i ricavi per l'anti-colesterolo blockbuster Lipitor* (atorvastatina) sono risaliti dell'1% a 2,76 miliardi dollari, anche se le vendite negli Stati Uniti sono scese del 10% a 1,31 miliardi dollari, colpite dalla concorrenza di altre statine, in particolare la versione generica di Zocor* (simvastatina) di Merck & Co.

La concorrenza dei generici colpisce anche l'anti-ipertensione Norvasc* (amlodipina) che è sceso del 23% a 368 milioni dollari. Il bilancio risulta potenziato da una serie di prodotti Wyeth, in particolare l'antidepressivo Effexor* (venlafaxina), che ha contribuito per 716 milioni dollari, il vaccino anti-pneumococco Prevenar* (286 milioni) e l'anti-artrite Enbrel* (etanercept; 802 milioni di dollari al di fuori del Nord America). L'antibiotico Zosyn/Tazocin* (piperacillina/tazobactam) ha fatto incassare 264 milioni dollari, mentre il Premarin* (estrogeni coniugati), terapia di sostituzione ormonale, ha contribuito per 256 milioni di dollari.
Fonte: Adnkronos

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato