Basta con i farmaci "generici"

Sauro Mercuri | 08/05/2010 22:19

Dobbiamo porre fine allo scandalo/speculazione dei farmaci bioequivalenti per modo di dire: nella realtà si tratta di un modo per far ricadere su altri la responsabilità di incapacità proprie. Propongo ai medici convenzionati uno sciopero particolare: per quindici giorni dovremmo prescrivere farmaci con brevetto scaduto(così come ci viene peraltro richiesto dalle ASUR), ritirare gli  scontrini pagati dai pazienti ed avviare, tramite ufficio legale dell'ordine dei medici, la richiesta del "rimborso economico" più gli eventuali "danni" alle rispettive Regioni. Una Bioequivalenza variabile del 20% non può garantire a nessuno l'efficacia della cura e pertanto il Servizio Sanitario Regionale è responsabile dei danni correlati e non assolve al suo ruolo di Assistenza alla Salute dei cittadini!  Anche se certe direttive possono partire dal''Europa, le Regioni sono responsabili dei piani attuativi!