Abuso anti-ulcera causa fratture e infezioni

Gastroenterologia | | 18/05/2010 10:49

Sono fra i più utilizzati al mondo, ma i farmaci anti-ulcera vanno assunti con moderazione perché possono creare effetti collaterali seri, come fratture ossee e infezioni batteriche. L'avvertimento arriva da una serie di studi riportati sulla rivista scientifica 'Archives of Internal Medicine'.
La classe di medicinali analizzata è quella degli inibitori di pompa protonica: ogni anno negli Stati Uniti vengono compilate 113 milioni di ricette con questi prodotti, che fanno registrare sempre Oltreoceano vendite annue per circa 14 miliardi di dollari. In uno deicinque studi in questione, un team di esperti dell'università di Washington a Seattle ha rilevato che, all'interno di un campione di oltre 160 mila donne fra i 50 e i 79 anni, quelle che assumono farmaci anti-ulcera dopo otto anni di cura corrono un rischio molto maggiore di andare incontro a fratture ossee, specialmente della spina dorsale e del polso.

In un'altra indagine, Michael Howell del Beth Israel Deaconess Medical Center evidenzia inoltre che, su un campione di circa 100 mila pazienti dimessi dall'ospedale, i casi di infezioni batteriche da Clostridium difficile aumentano del 74% nelle persone che assumono giornalmente questo tipo di medicinali. Il consiglio per i medici, secondo Patrick Yachimski del Vanderbilt University Medical Center di Nashville, è dunque di attenersi rigorosamente alle linee guida standard di utilizzo dei medicinali anti-ulcera, in modo da diminuire il rischio di problemi, tenendo sempre bene a mente il profilo rischio-beneficio di questi prodotti.
Fonte:Adnkronos
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato