Nasce la carta per la sicurezza e qualità nei trapianti

Redazione DottNet | 19/05/2010 22:06

Migliorare, potenziare e garantire il sistema di donazione di organi e tessuti in Italia. Questo l'obiettivo della 'Carta per la sicurezza, la qualità e la partecipazione nei trapianti', presentata a Napoli nel corso del II Congresso nazionale della Sisqt (Società italiana per la sicurezza e la qualità nei trapianti), presieduto da Franco Filipponi, presidente della Sisqt e direttore del Dipartimento di trapiantologia epatica, epatologia e infettivologia dell'Università di Pisa.
L'Italia è uno dei Paesi che effettua più interventi di trapianto al mondo, per milione di popolazione. Nel solo 2009 il numero dei trapianti è stato di 3.163, con un incremento pari al 10,7% rispetto al 2008; parallelamente il numero dei donatori utilizzati è aumentato del 14,1%, passando dai 1.094 del 2008 ai 1.167 dello scorso anno.
 

"Ogni anno, in Italia, migliaia di vite vengono salvate grazie ad un trapianto d'organo - sottolinea Filipponi - e il nostro Paese è considerato uno tra i più all'avanguardia nel mondo per organizzazione del sistema e donazione di organi e tessuti. Tuttavia - aggiunge - c'e' ancora moltissimo da fare: i tempi di attesa sono molti lunghi, le donazioni non sono ancora sufficienti a coprire i bisogni dei pazienti e in alcune zone non si dispone di centri adeguati. Per questo motivo qui a Napoli presentiamo anche la Carta per la sicurezza, la qualità e la partecipazione, uno strumento che può aiutare concretamente tutte le Regioni a migliorare il proprio livello donativo, riducendo quegli enormi divari di opportunità che ancora esistono sul territorio". La Carta per la sicurezza, la qualità e la partecipazione nei trapianti e' redatta da Cittadinanzattiva in collaborazione con la Sisqt e, oltre a responsabilizzare tutte le Regioni rispetto alla ricerca dell'autosufficienza nel campo delle donazioni, intende fissare i diritti e i doveri delle persone assistite e dei medici curanti coinvolti nel percorso donazione-trapianto, con l'obiettivo di definire i parametri necessari per perseguire i massimi livelli di sicurezza e qualità.
Nel corso del congresso è stata inoltre annunciata la costituzione dell'Itns (International transplant nurses society), la maggiore società scientifica internazionale di infermieristica della donazione e del trapianto, che consente di creare una rete di comunicazione tra gli infermieri che coordinano il processo donazione-trapianto. In questo modo vengono agevolate le interazioni, con scambio di esperienze ed informazioni.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato