Effetti neuroprotettivi dell’ epigallocatechina-3-gallato (EGCC) in modello di nervo ottico schiacciato: studio sui ratti

Psichiatria | | 21/05/2010 11:10

L’ epigallocatechina-3-gallato (EGCG), la principale catechina trovato nel tè verde, è un potente antiossidante e anti-infiammatorio con potenziale neuroprotettivo. Uno studio condotto dal “Beijing Tongren Eye Center” in collaborazione con il” Beijing Tongren Hospital” , il “Capital Medical University” e il “Beijing Ophthalmology & Visual Sciences Key Lab” ha avuto lo scopo di indagare gli effetti neuro protettivi della epigallocatechina-3-gallato in modelli di nervo ottico schiacciato (ONC) di ratti. Per tale scopo 72 ratti Wistar sono stati divisi a caso in quattro gruppi: normali di controllo (gruppo A), falsa operazione + EGCG (gruppo B), ONC + veicolo (groupC), e ONC + EGCG (gruppo D). I ratti sono stati trattati per via intraperitoneale e per via orale o con veicolo o EGCG (25mg/kg per iniezione al giorno per cinque giorni e 2mg/kg per via orale al giorno dopo).

Due giorni dopo la prima iniezione, è stata effettuata una ferita ONC utilizzando un micro clipper del nervo ottico con 40 g di potenza a circa 2 mm dalla testa del nervo ottico per 60 s. Fluorogold è stato iniettato nel colliculo bilaterale superiore cinque giorni prima del sacrificio degli animali e le cellule gangliari retiniche (RGCs) fluorescenti oro-marcato sono stati contate per mezzo di microscopia a fluorescenza nei giorni 7, 14 e 28 dopo l'ONC. L'espressione di proteine dei neurofilamenti (NF-L) è stata misurata mediante analisi immunoistochimica e western blotting. Nel gruppo C, è stata osservata una progressiva perdita di cellule gangliari retiniche dopo lo schiacciamento del nervo ottico. Al contrario, la densità di cellule gangliari retiniche era significativamente maggiore nel gruppo D (p = 0.009, indipendente campioni t-test) il giorno 7 dopo l'ONC, e le differenze statistiche sono stati ottenuti nei giorni 14 e 28 (p = 0,026 e p = 0,019, rispettivamente, indipendenti dai campioni t-test). I risultati delle analisi immunoistochimica e western blotting hanno dimostrato livelli significativamente più elevati nella espressione di proteina NF-L nel gruppo D rispetto al gruppo C nei giorni 7, 14 e 28 dopo l'ONC. Questi risultati sottolineano gli effetti protettivi della epigallocatechina-3-gallato (EGCG) sulle cellule retiniche gangliari dopo schiacciamento del nervo ottico, indicando che l’ EGCG potrebbe essere un potenziale agente terapeutico per le malattie del nervo ottico.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato