Bazedoxifene: effetti sul apparato riproduttivo nelle donne in postmenopausa a rischio di osteoporosi

| 27/05/2010 15:22

Uno studio effettuato presso l’Università della Virginia in USA, ha avuto lo scopo di esaminare la sicurezza del bazedoxifene, modulatore selettivo del recettore degli estrogeni, sull'endometrio, sulle ovaie e sul seno in donne in postmenopausa a rischio di osteoporosi. Sono state reclutate per tale studio 1.583 donne sane in postmenopausa, con età media di 57,6 anni, con un punteggio T della densità minerale ossea della colonna lombare o del collo del femore compresi tra -1 e -2,5 e /o altri fattori di rischio per l'osteoporosi. Le pazienti hanno ricevuto un trattamento quotidiano con bazedoxifene 10, 20, o 40 mg, placebo o 60 mg di raloxifene.

La valutazione della sicurezza riproduttiva ha incluso misurazioni periodiche quali l’ecografia transvaginale dello spessore endometriale, il volume ovarico, la presenza di cisti ovariche, la biopsia endometriale periodiche e la segnalazione di eventi avversi. Dai risultati ottenuti è emerso che il bazedoxifene non è associato ad alcun cambiamento significativo dello spessore endometriale basale medio. Inoltre non c'è stato un consenso di diagnosi di iperplasia endometriale o neoplasie in seguito a trattamento con bazedoxifene o con raloxifene, i tassi dei reperti istologici, tra cui polipi endometriali, sono stati bassi (<5%) e simile tra i gruppi. Tra i gruppi nessuna differenza significativa è stata riscontrata nel cambiamento del volume ovarico basale, il numero o le dimensioni delle cisti ovariche, o l’incidenza di cancro ovarico. Le relazioni tra il dolore mammario (<4%) e il cancro al seno (<1%) sono stati bassi ed uniformemente distribuiti tra i gruppi. Concludendo è stato riscontrato un profilo di sicurezza favorevole dopo 2 anni di trattamento con bazedoxifene in donne in postmenopausa a rischio di osteoporosi.