Fazio, premi ai medici che prescrivono meno farmaci

Sanità pubblica | Silvio Campione | 04/06/2010 16:18

Ridurre il 'conto' farmaceutico adottando incentivi in stile britannico, ovvero premi per i medici che prescrivono meno medicine, oltre che aumentare la proporzione dei cosiddetti 'generici', meno cari, per far fronte alle necessità. Questa la ricetta che il ministro della salute Ferruccio Fazio ha illustrato in un'intervista al Financial Times. ''L'industria farmaceutica non è contenta e noi riteniamo che i prezzi siano ben controllati - ha detto Fazio - Il problema non è tagli ai prezzi dei farmaci, ma il loro volume. Noi considereremo l'ipotesi di dare incentivi ai medici generici''.

L'intervista al ministro viene dopo l'annuncio di piani per una drastica riduzione dei prezzi dei farmaci, ultimo di una serie di paesi dell'Ue a prendere misure per fronteggiare i costi crescenti della sanità, in tempi in cui la crisi costringe a tagli di budget. L'Italia - sottolinea il Financial Times - è uno di più importanti mercati (per vendite) dell'industria farmaceutica in Europa, ma ci sono preoccupazioni sul fatto che non vi sono sufficienti 'farmaci generici', meno costosi perchè fuori brevetto, su cui orientare i pazienti. Si pensa anche a una sostanziale riduzione dei prezzi, in particolare su quei farmaci su cui i brevetti sono ormai scaduti. Fazio ha detto di sperare in un aumento dell'efficienza e in un taglio del 'conto' dei farmaci centralizzando gli acquisti e incrementando una maggiore flessibilità per il reperimento delle specialità farmaceutiche che finora sono state acquistate dagli ospedali. Il ministro ha anche detto che sta considerando le strade per ridurre i pagamenti in scadenza delle regioni italiane per i farmaci, tagliando i ritardi che hanno giustificato gli aumenti di prezzo da parte dell'industria. Fazio ha poi posto particolare enfasi su ''prescrizioni razionali'', per persuadere i medici a ridurre le loro prescrizioni di medicine non necessarie, e di scegliere trattamenti più economici ed efficaci, il ché porterebbe - secondo una sua stima - a un risparmio annuo 400 milioni di euro. ''Noi obbligheremo i medici a prescrivere nella maniera giusta - ha detto - Abbiamo molto da fare per migliorare una prescrizione appropriata, e far smettere la gente di accumulare in casa farmaci''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato