Verso test delle urine per riconoscere autismo precocemente

| 07/06/2010 11:41

medicina ospedale sanità-privata sanità-pubblica malasanità assicurazioni

Un semplice test delle urine per stanare l'autismo precocemente, e contrastarlo sin dalla più tenera età. E' la strada indicata dai ricercatori dell'Imperial College di Londra e della University of South Australia, che hanno identificato 'un'impronta' chimica differente nelle urine dei bimbi autistici rispetto a quelli sani. Una scoperta, suggeriscono sulle pagine del 'Journal of Proteome Research', che potrebbe condurre alla messa a punto di un test ad hoc, per contrastare l'autismo il più presto possibile.

Per giungere a questo risultato, i ricercatori hanno analizzato e confrontato il contenuto delle urine di tre gruppi di bambini tra i 3 e i 9 anni: 39 con autismo, 34 sani e 28 con fratelli autistici. Ogni gruppo aveva una traccia chimica differente, il che consentirebbe, suggeriscono gli studiosi, di identificare quelli affetti da questa complessa malattia. Le persone con autismo soffrono anche di disturbi gastrointestinali e hanno una diversa composizione di batteri intestinali rispetto alle persone non autistiche. Da qui, l'idea dei ricercatori britannici e australiani per aprire la strada a un test non invasivo per la diagnosi precoce di questa condizione. Un intervento tempestivo può migliorare notevolmente i progressi dei bambini con autismo, ma attualmente è difficile giungere a una diagnosi quando il bimbo è molto piccolo.

Fonte: Adnkronos