Pazienti soddisfatti dei medici di base nella cura delle malattie respiratorie

Redazione DottNet | 16/06/2010 16:44

L'assistenza sanitaria a chi soffre di malattie respiratorie è buona, ma à lontana dall'essere perfetta. Si potrebbe riassumere così il risultato di un'indagine presentata  a Milano e promossa dalla Federazione italiana contro le malattie polmonari sociali e la tubercolosi (Fimpst). La ricerca, svolta in collaborazione con le associazioni Aipo, Simer e Fimmg, si è svolta tra il marzo e il luglio 2009 e ha coinvolto 46 centri di pneumologia italiani, intervistando 1.166 interviste pazienti, 272 medici di famiglia 296 pneumologi. Dall'indagine, spiegano i responsabili, ''emerge una generale soddisfazione dei pazienti rispetto alle cure ricevute dai medici di base, e rispetto all'assistenza ricevuta durante tutto il manifestarsi della malattia.

 Ma mostra anche che è possibile aumentare la qualità dell'assistenza intervenendo su alcuni aspetti''. I medici, in particolare, vorrebbero ''una maggiore integrazione tra medicina territoriale e centri specialistici in pneumologia, ma anche una riduzione delle liste di attesa'' anche perchè, dalla prenotazione alla visita (non di urgenza) passano in media 34 giorni. Infine, per migliorare l'assistenza servirebbe ''una maggiore educazione e sensibilizzazione dei pazienti, così come il miglioramento delle strutture e un maggiore impegno delle istituzioni sanitarie nei percorsi di medicina preventiva respiratoria''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato