Destinazione Russia, Big Pharma spenderà 1 mld in siti produttivi

Adelaide Terracciano | 25/06/2010 11:06

Le multinazionali del farmaco potrebbero arrivare a spendere almeno un miliardo di dollari nel prossimo futuro per dar vita a nuovi stabilimenti produttivi in Russia. La mossa, secondo gli esperti di Pharmexpert, è la risposta di Big Pharma alle misure intraprese dal governo di Mosca per dare impulso all'industria locale. La Russia - riporta PharmaTimes - ha infatti intenzione di aumentare la fetta di mercato delle aziende nazionali dal 20% al 25% entro il 2012 e del 50% entro il 2020, attraverso una serie di incentivi per i prodotti "made in Russia", come autorizzazioni più veloci e una corsia preferenziale all'interno del programma di rimborsabilità dei farmaci per le persone meno abbienti.

AstraZeneca, GlaxoSmithKline, Novartis, Novo Nordisk, Nycomed, Pfizer, Sanofi-Aventis e Servier sono fra le società che più credono nel futuro della nazione, il cui mercato farmaceutico dovrebbe arrivare a quota 60 miliardi entro la fine di quest'anno.

Fonte: Adnkronos

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato