Via libera Ue a biosimilare Teva contro neutropenia

Redazione DottNet | 24/09/2008 12:29

biotecnologia emea

Via libera europeo alla versione non griffata del Neupogen*, biofarmaco di Amgen per il trattamento della neutropenia indotta da chemioterapia. Ad incassare l'ok della Commissione Europea è l'israeliana Teva, leader mondiale dei generici, che commercializzerà il farmaco biosimilare con il nome TevaGrastim*.
 

Il semaforo verde rappresenta la prima autorizzazione europea per un prodotto G-CSF (human granulocyte colony stimulating factor), e arriva dopo il parere positivo del comitato tecnico-scientifico Chmp dell'Agenzia europea del farmaco (EMEA), espresso lo scorso febbraio. Teva spera di poter iniziare a commercializzare il prodotto in Europa a partire dal 2009. Neupogen*, usato per stimolare la produzione di globuli bianchi in pazienti trattati con chemioterapia, in Europa vanta un fatturato di circa 300 milioni di dollari.