Dolore cronico, 12 milioni gli ammalati in Italia

Medicina Generale | Redazione DottNet | 02/07/2010 14:36

In Europa 75 milioni di persone (19% della popolazione adulta) sono affette da dolore cronico e in particolare riguarda le donne: ne soffre un terzo di tutte le casalinghe europee. In Italia, al terzo posto dopo Norvegia e Belgio per frequenza di casi e al primo per quanto riguarda il dolore cronico severo, il problema colpisce più di 12 milioni di pazienti. I dati sono emersi al convegno Impact 2010, in corso a Palazzo Corsini a Firenze. Il dolore cronico, e' stato spiegato, cioè quello che 'non passa' dopo 6 mesi di terapia, è una delle principali cause di consultazione medica.

 Dal punto di vista economico e' aumentata la spesa nazionale per prestazioni e farmaci riconducibili a patologie dolorose: si calcola che nel 2007 siano stati spesi oltre 3 milioni di euro. Il dolore cronico, poi, causa all'economia nazionale una perdita di 3 milioni di ore lavorative. Secondo indagini Istat, inoltre, il 23% dei pazienti ha dichiarato di aver dovuto cambiare la propria posizione sociale, il 14-17 per cento di aver perso il proprio lavoro. Nel 18% dei casi, infine, i pazienti che soffrono di dolore cronico hanno ammesso di vivere un senso di abbandono e la sensazione di perdere il proprio ruolo all'interno della famiglia.

 

 

 

 

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato