Specialisti più preparati su biosimilari, ma per 1 su 5 come generici. Ma chi li prescrive?

Adelaide Terracciano | 08/07/2010 16:57

biotecnologia ema farmaci generici

Cresce la conoscenza dei farmaci biosimilari fra oncologi e nefrologi, anche se circa uno su cinque crede ancora oggi che si tratti di medicinali uguali al biotecnologico originatore, così come accade per i generici. Mentre invece i biosimilari non sono mai identici, bensì 'simili' al medicinale di riferimento e per questo da prescrivere con cautela. E' quanto emerge dal secondo sondaggio nazionale sugli specialisti promosso dalla Fondazione dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e dalla Società italiana di nefrologia (Sin), presentato a Roma in questi giorni, a due anni di distanza dalla prima iniziativa per verificare la conoscenza di questi medicinali fra chi li deve prescrivere.

L'indagine, cui hanno partecipato 639 oncologi e 211 nefrologi, rientra in un più ampio percorso di sensibilizzazione sui biosimilari che le due società scientifiche stanno sviluppando dal 2008. E, in 2 anni, molto è già stato ottenuto: è migliorata fra gli specialisti la conoscenza su cosa siano e quali caratteristiche presentino, più noti anche i possibili rischi. "La nostra campagna informativa serve e funziona - ha affermato Francesco Boccardo, presidente della Fondazione Aiom - ma resta molta strada da compiere se un clinico su 5 ancora non sa darne una definizione o li confonde con gli equivalenti. Questi farmaci presentano caratteristiche diverse e un processo di sintetizzazione ben più complesso: per questo deve essere chiaro che è necessario un confronto del rapporto benefici/sicurezza, e non solo di prezzo, prima di decidere se utilizzare l'originale o il biosimilare". "Non ci sono più nefrologi che non sanno bene cosa siano i biosimilari - ha aggiunto Francesco Locatelli, past president della Sin - infatti erano il 15% nel 2008, oggi sono solo l'1%. Si conferma che la campagna della Fondazione Aiom cui collabora la Sin e l'informazione promossa da noi, hanno colto nel segno. Il problema dell'informazione è estremamente importante sia per i malati che per gli specialisti. Per noi clinici le questioni prioritarie sono l'efficacia ma anche la sicurezza dei farmaci. Ciò significa possibilità di studi controllati: 9 nefrologi su 10 esigono trial di confronto per ogni diversa indicazione e tracciabilità delle molecole utilizzate". "Occorre precisare - ha evidenziato Paola Minghetti del dipartimento di Scienze farmaceutiche dell'università di Milano - che i biosimilari sono prodotti regolarmente approvati secondo gli iter e le linee guida approvati dell'Agenzia europea del farmaco (Ema). Il medico deve valutare attentamente i possibili effetti collaterali e anche la differente 'potenza' di questi medicinali rispetto all'originator. Ma non bisogna demonizzarne l'utilizzo, tanto più che essi consentono alle casse pubbliche di risparmiare: non il 90% sul prezzo del 'griffato', come i generici, ma il 20-30%. Una percentuale che, comunque, per una terapia costosa significa risparmi ingenti".

Fonte: Adnkronos

Per commentare e approfondire l'argomento clicchi qui