Densità minerale ossea in pazienti affetti da anoressia precoce. Follow-up

| 13/07/2010 11:30

Uno studio prospettico in materia di sviluppo della componente minerale ossea in pazienti con una storia di anoressia nervosa precoce è stato pubblicato sulla rivista Child and Adolescent Psychiatry and Mental Health (AN). Durante tale studio sono state valutate le possibili associazioni tra la massa ossea e una regolare attività fisica e con una terapia ormonale sostitutiva, inoltre sono state analizzate le correlazioni con ormoni nutrizionalmente dipendenti. Nello specifico 3-9 anni (media 5,2 1,7) dopo la dimissione ospedaliera, sono stati ri-esaminati cinquantadue soggetti di sesso femminile con una storia di anoressia a esordio precoce. Per mezzo di un approccio standardizzato, è stato valutato l'esito generale di anoressia precoce. Inoltre, il contenuto minerale osseo (BMC) e la densità minerale ossea (BMD), nonché la massa magra e grassa sono stati misurati mediante l’assorbimetria raggi x a doppia energia. Parallelamente in un sottostudio, abbiamo misurato le concentrazioni sieriche di leptina e fattore di crescita insulino-simile, noto anche come IGF I.

Il risultato generale è stato buono nel 50% dei soggetti (BMI >/ = a 17,5 kg/m2, la ripresa del ciclo mestruale). Il miglioramento clinico è stato correlato con BMC e BMD (c2= 5,62 / 6,65 = c2, p = 0,06 / p = 0,036). La durata di amenorrea ha avuto una correlazione negativa con la densità minerale ossea (r = - 362; p <0,01), ma non con BMC. La regolare attività fisica ha mostrato un effetto positivo sul recupero delle ossa, ma l'effetto della terapia ormonale sostitutiva non è stato significativo. Invece dai risultati ottenuti dal sottostudio sono emersi livelli di IGF-I al di sotto del quinto percentile. Le concentrazioni sieriche di IGF-I corrispondevano al risultato generale di anoressia nervosa. Al contrario, le concentrazioni sieriche di leptina hanno mostrato una grande variabilità. Questi parametri sono correlati con BMC e gli attuali parametri di composizione corporea. I risultati dello studio indicano una certa capacità di adattamento di maturazione ossea che è dipendente a una pronta guarigione e in corso. Mentre i livelli di leptina nel sottostudio tendevano a rispondere immediatamente allo stato nutrizionale, mentre le concentrazioni sieriche di IGF-I corrispondevano all'età del soggetto e al risultato generale di anoressia nervosa.
 

Bibliografia

Schulze UM. Bone mineral density in partially recovered early onset anorexic patients - a follow-up investigation. Child Adolesc Psychiatry Ment Health. 2010 Jul 8;4(1):20.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato