Nasce a Milano il centro di alta specializzazione contro tumore all'ovaio

Redazione DottNet | 24/09/2008 17:32

ginecologia ovaio

  Nasce all'Istituto oncologico europeo (Ieo) di Milano il primo centro di alta specializzazione per il tumore dell'ovaio in Italia. Il centro, che sorge presso la Divisione di ginecologia, ha l'obiettivo di occuparsi della paziente a 360 gradi, a partire dalla diagnosi fino alla terapia, passando attraverso il supporto psicologico, riabilitativo e nutrizionale, così da facilitare il percorso della donna in quello che i medici dello Ieo definiscono ''un vero e proprio calvario''.

''Il cancro dell'ovaio - spiega Nicoletta Colombo, direttrice del centro - è la prima causa di morte fra quelli ginecologici. Ogni anno in Italia ci sono 4.800 nuovi casi e quasi 3.000 morti. Si tratta di un killer silenzioso, che non consente di fare una diagnosi precoce. Per questo - aggiunge - la nostra sfida è quella di migliorare la sopravvivenza delle pazienti''. Il 75% delle donne, spiegano i medici, scoprono il cancro in una fase già avanzata, quando ha attaccato anche altri organi dell'addome. Di queste pazienti, solo il 30-40% guarisce, mentre il 60% può solo sperare di trasformare il tumore in una malattia cronica con cui convivere, con un'aspettativa di vita che si aggira intorno ai tre anni. Il centro offrirà alla donna un supporto multidisciplinare, ''ma che farà anche ricerca ed educazione nei confronti dei medici di domani'', proprio come accade nell'analogo centro statunitense di Baltimora, nato quattro anni fa presso l'ospedale Johns Hopkins, la cui positiva esperienza è stata sottolineata dal direttore Robert Bristow.