Fazio: le materie prime per i farmaci saranno autocertificate

| 26/07/2010 17:37

Le materie prime 'atipiche' utilizzate per produrre i farmaci, come cloruro di sodio, canfora, glicerolo6, "è bene siano soggette ad autocertificazione da parte delle aziende produttrici e non a un controllo puntuale" dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa). E' il parere del ministro della Salute Ferruccio Fazio, ascoltato in audizione alla Commissione Igiene e sanità del Senato su questo argomento. Autocertificazione e non controlli ad hoc, dunque, per queste sostanze, "dato che non si tratta di principi attivi complessi, ma, in fondo, di sale" e altre materie innocue. "Mi sembra che la Commissione abbia recepito questa mia indicazione", ha detto Fazio.

 "L'Aifa ritiene adatta l'autocertificazione - ha aggiunto in audizione Fernanda Ferrazin, ispettore senior Gmp (Good Manufacturing Practice - Norme di buona produzione) dell'Aifa - sia perché le forze ispettive dell'agenzia devono concentrarsi su altri settori, sia perché in questo modo non si crea uno svantaggio per i produttori italiani e una spinta all'approvvigionamento all'estero di questi ingredienti. Inoltre, nella maggior parte dei casi si tratta di stabilimenti che producono solo una materia prima e in questo modo e' escluso il rischio di contaminazione incrociata con altre sostanze. Ogni due anni, comunque, attraverso i controlli sui prodotti finiti, l'Aifa ha la possibilità di rilevare eventuali problematiche", ha concluso l'esperta.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato