Depressione, nessuna diagnosi in un caso su due

Redazione DottNet | 24/09/2008 18:18

depressione iss medicina psichiatria schizofrenia

  In un caso su due la depressione non viene riconosciuta nè curata, nonostante sia al secondo posto fra tutte le malattie in termini di carico di sofferenza e disabilità nei Paesi industrializzati.

 Le mancate diagnosi di questo disturbo, che in Italia riguarda attualmente l'1,5% della popolazione adulta, sono tra le lacune che restano da colmare nell'assistenza psichiatrica a 30 anni dalla legge 180. Alle conseguenze della legge voluta dallo psichiatra Franco Basaglia è dedicato il convegno organizzato a Roma dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss). Con la depressione, l'ansia gioca la parte del leone fra i disturbi psichiatrici più diffusi. Si stima che riguardi attualmente il 2,2% degli adulti (le donne sono quattro volte più colpite degli uomini). I disturbi bipolari colpiscono l'1%, la schizofrenia lo 0,4% ed è difficile, al momento, avere stime a livello nazionale sui disturbi del comportamento alimentare (stime locali parlano di uno 0,3%). ''Questi dati non vanno sommati, ma tutti insieme forniscono una stima sensata, secondo la quale intorno al 3-4% dei cittadini adulti soffre di qualche disturbo, da una lieve ansia alle psicosi'', osserva lo psichiatra e psicoterapeuta Angelo Picardi, del reparto di salute mentale del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Iss. Si calcola inoltre, prosegue lo psichiatra, che le stime relative alla depressione possano raddoppiare o triplicare in molte malattie fisiche, specialmente se croniche: ''Ad esempio, nell'anno successivo a un infarto la depressione sembra essere il principale fattore legato alla mortalità''. Senza contare i costi della sofferenza psichica espressa con sintomi fisici, la cosiddetta somatizzazione, negli Stati Uniti stimati in 256 miliardi di dollari l'anno. ''Spesso - conclude Picardi - una persona ansiosa o depressa è preoccupata per la sua salute al punto che tende a fare più esami e consulti'', con la conseguenza di un aumento notevole dei costi per il Servizio sanitario nazionale.