Roche, +37% utile netto nel primo semestre 2010

Tania Vuoso | 28/07/2010 10:34

Nei primi sei mesi dell'anno Roche ha realizzato un utile netto di 5,56 miliardi di franchi svizzeri, in progressione del 37% rispetto allo stesso periodo del 2009, ha indicato oggi il gruppo farmaceutico basilese. Il fatturato è di 24,6 miliardi di franchi, in crescita del 3%. In valute locali l'incremento è del 5%. Il risultato netto è migliore soprattutto perché i costi straordinari per l'integrazione di Genentech nella prima metà del 2010 sono stati nettamente inferiori rispetto al primo semestre 2009. L'utile operativo (senza voci straordinarie) è salito del 10% (+11% in valute locali) a 8,8 miliardi. In una conferenza telefonica il presidente della direzione Severin Schwan ha dichiarato che "in un contesto difficile Roche ha realizzato un ottimo risultato operativo e l'evoluzione dell'utile del gruppo è rallegrante". Le cifre presentate sono conformi alle attese degli analisti, eccezion fatta per l'utile operativo. La divisione farmaceutica ha aumentato il giro d'affari dell'1% a 19,4 miliardi di franchi (+4% in valute locali). La crescita è stata superiore al mercato nonostante il previsto netto calo delle vendite dell'antivirale Tamiflu* (-31% a 710 milioni).

Il fatturato del farmaco antitumorale Avastin* (bevacizumab) è salito del 14% a 3,4 miliardi. L'utile operativo del comparto, al netto delle voci straordinarie e delle variazioni dei cambi, è aumentato del 7% (9% in valute locali) a 8 miliardi di franchi. Le vendite della divisione prodotti diagnostici sono aumentate del 7% a 5,3 miliardi (+9% in valute locali). Il comparto è cresciuto molto più rapidamente del mercato, afferma Roche. L'utile è progredito del 47% (+45% in valute locali) a 947 milioni di franchi. Il gruppo renano ha confermato le sue aspettative per l'esercizio in corso. In assenza di eventi eccezionali Roche si attende - Tamiflu* escluso e al netto degli effetti di cambio - un incremento delle vendite della divisione farmaceutica attorno al 5%, mentre nella diagnostica gli affari dovrebbero continuare a crescere molto più velocemente del mercato.

Fonte. Adnkronos

Per commentare approfondire l'argomento: Gruppo Marketing Farmaceutico

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato