Via libera ai trapianti sammaritani

Redazione DottNet | 28/07/2010 10:38

asl medicina sanità-pubblica

Via libera ai trapianti cosiddetti 'samaritani'. E' stato infatti pubblicato, in Gazzetta Ufficiale, il Decreto che regolamenta i ''Principi generali relativi al trapianto di rene o di parti del fegato da donatore vivente''. La normativa, in vigore da oggi, garantisce ''la dignità e la personalità del donatore vivente senza mettere in pericolo la sua salute'', e prevede che l'Azienda sanitaria o il Centro regionale di riferimento per i trapianti possano avvalersi, previo apposito accordo o esplicita convenzione, della collaborazione di una ''Commissione terza'' istituita presso altra Azienda sanitaria della stessa Regione ovvero di altra Regione.

 Alla commissione spetterà il compito di verificare che ''i riceventi e i potenziali donatori abbiano agito secondo i principi del consenso informato, libero e consapevole, ed abbiano inoltre ricevuto tutte le informazioni relative al proprio caso clinico'', oltre a prevenire ''i rischi di commercializzazione di organi o di coercizione nella donazione, nel rispetto delle linee guida disposte dal Centro nazionale trapianti''. E' infine escluso il trapianto di organo o parte di organo da donatore vivente ''nei casi d'urgenza, per i quali e' prevista un'assegnazione di organi da cadavere su priorità nazionale''. Per il gruppo La sanità che vorremmo, clicchi qui.