Il ruolo di insulino-resistenza nella patogenesi della malattia cardiovascolare aterosclerotica. Review

Cardiologia | | 26/10/2010 15:35

La resistenza all'insulina è il principale meccanismo patologico che collega la costellazione di caratteristiche cliniche, metaboliche e antropometrici con l’aumentato rischio di malattia cardiovascolare e di diabete mellito di tipo II. Queste caratteristiche includono l’iperinsulinemia, l’intolleranza al glucosio alterata, la disfunzione endoteliale, la dislipidemia, l’ipertensione e la ridistribuzione del grasso generalizzato e nella parte superiore del corpo. Questo cluster sintomatologico è spesso definito come sindrome da insulino-resistenza. La progressione dell’insulino-resistenza al diabete mellito è parallela alla progressione della disfunzione endoteliale all’aterosclerosi che determinano le malattie cardiovascolari e le sue complicanze.

Infatti, la resistenza all'insulina valutata attraverso il modello di valutazione omeostatico (HOMA) ha dimostrato in diversi studi di essere indipendente dalle malattie cardiovascolari e un aumento della resistenza all'insulina è associato a un incremento del 5,4% del rischio di malattia cardiovascolare. Una review effettuata da Reddy e colleghi ha affrontato il ruolo dell’insulino-resistenza come principale fattore causale nello sviluppo della sindrome metabolica e della disfunzione endoteliale e il suo rapporto con la malattia cardiovascolare. Inoltre, sono stati esaminati gli stili di vita e la terapia farmacologica che potrebbero migliorare l'effetto della resistenza all'insulina e l’inversione dei disordini metabolici d’insulina, di glucosio e dei lipidi.

Bibliografia: Reddy, Kota J et al. The role of insulin resistance in the pathogenesis of atherosclerotic cardiovascular disease: an updated review. Journal of Cardiovascular Medicine: September 2010 - Volume 11 - Issue 9 - p 633–647

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato