Incidenza della personalità sul rischio di infarto e ictus. Studio americano in Italia

Cardiologia | | 25/08/2010 12:56

Individui scontrosi, rancorosi e perennemente intrattabili, personalità competitive e concentrate sul proprio benessere anche a discapito degli altri hanno una maggiore probabilità di andare incontro infarto e ictus. Questo è il risultato di uno studio americano condotto in Italia. La ricerca è firmata dal National Institute of Aging (Nia), parte dei National Institutes of Health (Nih), e pubblicata su 'Hypertension', rivista dell'American Heart Association. Gli scienziati guidati da Angelina Sutin, del Nia-Nih di Baltimora, hanno messo 'sotto la lente' 5.614 abitanti di 4 paesi della Sardegna (range d'età 14-94anni, età media 42 anni, femmine nel 58% dei casi), coinvolti nel 'Sardinia Study of Aging' sostenuto dal Nia. I cittadini sardi partecipanti allo studio sono stati sottoposti a questionari specifici per valutare i livelli di onestà, altruismo, modestia, docilità, e parallelamente a esami a ultrasuoni per misurare lo spessore delle carotidi. Confrontando i dati, i ricercatori americani hanno quindi constatato che le personalità più competitive mostravano un ispessimento della parete carotidea.

Una condizione ritenuta fattore di rischio per infarto e ictus. Tre anni dopo le persone con indici più alti di scontrosità e irritabilità, e viceversa con indici più bassi di amabilità e simpatia, continuavano a presentare arterie più spesse: segno che progrediva una condizione ad alto rischio per cuore e cervello. Per i più intrattabili, addirittura, il pericolo di eventi risultava aumentato del 40%. In termini di probabilità di attacchi cardiovascolari, avvertono gli esperti, essere 'orsi' equivale a soffrire di sindrome metabolica. Nel campione è stata anche valutata la copresenza di altri fattori di rischio come pressione alta, troppi grassi nel sangue, glicemia a digiuno, diabete. In generale, le rilevazioni hanno confermato che gli uomini sono più predisposti all'ispessimento delle arterie del collo. Ma le donne più iraconde annullano questo 'gap', cancellando con un colpo di spugna i benefici dello 'scudo' fornito dagli estrogeni durante l'età fertile.

Bibliografia: Angelina Sutin et al. Antagonistic people may increase heart attack, stroke risk. Journal of the American Heart Association.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato