Ansia “scritta” nei geni: risultati della sperimentazione sull’ippocampo e amigdala di scimmie

Psichiatria | | 25/08/2010 15:31

L'ansia si può ereditare. La notizia arriva da uno studio della University of Wisconsin a Madison (Usa), pubblicato su 'Nature', da cui emerge che l'attività cerebrale alla base del temperamento ansioso, che spesso apre le porte alla depressione e a veri e propri disturbi psicologici, potrebbe essere 'scritto' nei geni di una persona e non, dunque, il semplice risultato di eventi esterni. Ned Kalin e colleghi hanno studiato 200 esemplari di scimmie mentre si trovavano in situazioni stressanti.

Gli animali appartenevano a famiglie multigenerazionali di oltre 1.500 soggetti e per gli esperti è stato dunque possibile studiarne la possibile 'eredità' d'ansia. Un fardello che è stato rilevato a livello dell'area ippocampale anteriore del cervello, ma non nell'amigdala dorsale, zone entrambe note per avere un importante ruolo nelle emozioni e nelle psicopatologie. Questo - assicurano gli scienziati - suggerisce che i geni e l'ambiente hanno differenti influenze sul temperamento ansioso,almeno a livello di queste due aree cerebrali altamente interconnesse.

Bibliografia: Ned H. Kalin et al. Amygdalar and hippocampal substrates of anxious temperament differ in their heritability. Nature 466, 864-868 August 2010

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato