In Toscana eccezionale intervento cuore-trachea su prematuro

Pediatria | | 09/09/2010 16:05

Un doppio intervento chirurgico, eseguito contemporaneamente, al cuore e alla trachea, ha permesso di salvare la vita ad un bambino nato prematuro in Toscana. L'intervento è durato 9 ore ed è stato eseguito all'ospedale del cuore 'Fondazione Toscana G. Monasterio' di Massa da un'equipe congiunta di altissima specializzazione, guidata dai dottori Murzi (ospedale del cuore di Massa) e Mirabile (ospedale pediatrico Meyer) e formata da 11 persone, delle quali 7 medici (3 chirurghi: Murzi, Bernabei, Arcieri; due anestesisti cardiotoracici: Moschetti, Del Sarto; e due endoscopisti: Mirabile e Baggi) due perfusionisti e due infermieri di sala operatoria.

E' la prima volta in Italia che viene eseguito contemporaneamente un doppio intervento cuore-trachea. Ma l'operazione è stata ancora più eccezionale perchè eseguita su un bimbo così piccolo: appena 2 mesi per 3 kg di peso. Particolarità dell'intervento è stato inoltre l'uso del laser, per via endoscopica a torace aperto, per completare l'operazione alla trachea. Una procedura ''ibrida'' di questo genere, chirurgica e interventistica, non risulta mai eseguita nei bambini. Il neonato, che era nato prematuro (8 mesi di gestazione circa) era affetto da due gravissime patologie congenite, una rarissima stenosi alla trachea e la ''tetralogia di Fallot'' al cuore, la patologia conosciuta anche come ''morbo blu'' e che consiste in un buco fra i ventricoli del cuore e stenosi dell'arteria polmonare. Il piccolo ora sta bene ed è ricoverato all'ospedale Meyer dove verrà seguito per la convalescenza. I medici sono ottimisti e ritengono che il piccolo, con buonissime probabilità,non avrà più bisogno, nel corso della sua vita, di interventi operatori per le patologie che lo hanno condotto in sala operatoria. Il bambino era nato a Careggi alla 35esima settimana di gestazione. Alla nascita pesava 1,8 kg. Per circa 2 mesi è stato assistito alla neonatologia di Careggi fino a quando ha raggiunto i 3 kg di peso, ma le sue condizioni, a causa delle due gravi patologie congenite, erano sempre più critiche. Al momento dell'arrivo a Massa le sue condizioni erano tali da richiedere sia l'intubazione sia la ventilazione meccanica. Di fronte alla situazione i medici hanno deciso di intervenire contemporaneamente per la doppia patologia. L'intervento, che complessivamente è durato dalle 8 del mattino alle 17, è stato eseguito in circolazione extracorporea per 4 ore e il cuore è stato fermato per un'ora circa, mentre la trachea è stata ricostruita utilizzando i tessuti del piccolo. L'equipe congiunta Meyer-Fondazione Toscana G.Monasterio (Pediatric Tracheal Team) è attualmente l'unico gruppo italiano che si cimenta con interventi tracheali su pazienti di piccolo peso e che esegue interventi singoli con queste caratteristiche. Il Pediatric Tracheal Team toscano ha ormai al suo attivo numerosi interventi di ricostruzione tracheale. Il doppio intervento in contemporanea non era mai stato eseguito.

Fonte: AdnKronos

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato