Medici di famiglia bocciati in Sicilia, Calabria e Campania. Peggio solo le Asl

Medicina Generale | Redazione DottNet | 23/09/2010 19:34

Il 53,3% dei siciliani è insoddisfatto dai complessi ospedalieri della regione. Questo è uno dei risultati del sondaggio di ''Crespi ricerche'' che questa volta si è occupato del sistema sanitario in Campania, Calabria e Sicilia. ''Dati alla mano balza subito agli occhi - si legge nel report - un'inconfutabile insoddisfazione dei cittadini nei confronti degli ospedali, recentemente diventati un caso mediatico''. Secondo il sondaggio di Crespi ''non va bene neanche in Campania e in Calabria dove il malessere è manifestato, rispettivamente, dal 57,% e dal 57,7% degli abitanti''.

''Poche strutture ma buone: è questa - emerge dal sondaggio - la richiesta dei cittadini che alla quantità preferiscono la qualità. Inoltre più della metà della popolazione meridionale è favorevole all'ipotesi di chiusura degli ospedali meno efficienti''. La ricerca illustra anche un'assoluta mancanza di fiducia nel sistema sanitario in generale. ''I cittadini non sono soddisfatti neanche delle Asl - precisano - che deludono il 56,1% dei siciliani, il 59,7% dei cittadini calabresi e il 60,8% della popolazione campana. Sul banco d'accusa finiscono anche i medici di famiglia che deludono il 45,9% della popolazione in Sicilia, il 48,4% in Calabria e il 49,3% in Campania''.

(http://www.crespiricerche.it/index.php?option=com_content&task=view&id=268&Itemid=1)

 Per commentare, clicchi qui.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato