Le farmacie cambiano: ecco come

Farmacia | Redazione DottNet | 25/09/2010 20:15

Nuovo passo in avanti per la farmacia dei servizi, che in un prossimo futuro sarà sempre più un presidio sanitario e anche un centro di primo soccorso, grazie all'introduzione di nuovi servizi per i cittadini. In attesa che la Conferenza Stato-Regioni dia il via libera ai quattro decreti attuativi della legge del 2009 che modificano e ampliano il ruolo delle farmacie sul territorio, anche se per l'approvazione bisognerà probabilmente aspettare la fine di ottobre, fanno sapere dal ministero della Salute, il Governo compie un altro passo sulla strada dell'annunciata riforma, approvando in Consiglio dei ministri un disegno di legge sulle Sperimentazioni cliniche al cui interno e' contenuto un passaggio dedicato proprio alle farmacie.

 Che modifica il testo unico delle leggi sanitarie del 1934, sottolineando che "gli esercenti le professioni o arti sanitarie possono svolgere, in qualsiasi forma, la loro attività in farmacia, ad eccezione dei professionisti abilitati alla prescrizione di medicinali". La strada, dunque, sembra oramai delineata: via libera all'ingresso di "personale infermieristico" e "fisioterapisti" nelle farmacie, dove si potranno effettuare prestazioni "analitiche" ma anche "strumentali" e stop, invece, all'ingresso dei medici, nei confronti dei quali si erano levate nei mesi scorsi più di una perplessità da parte degli addetti ai lavori. Il ddl precisa inoltre che i medici non solo non potranno operare all'interno delle strutture ma non potranno avere convenzioni con le farmacie per la partecipazione agli utili. Pena una sanzione amministrativa da 5 mila a 20 mila euro.

"Siamo ovviamente soddisfatti, il disegno di legge approvato  rappresenta un altro tassello di quel percorso che porterà a quella farmacia dei servizi sempre più legata al Servizio sanitario nazionale e da noi sempre auspicata", dice Annarosa Racca, presidente di Federfarma, aggiungendo che ora si tratta di aspettare che "i decreti attuativi della legge, così come annunciato dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio, siano inviati alla Conferenza Stato-Regioni per la loro approvazione".

Decreti che provocheranno nelle farmacie una piccola rivoluzione, grazie ai nuovi servizi aggiuntivi: dalla partecipazione all'assistenza domiciliare integrata, ai programmi di educazione sanitaria e di farmacovigilanza, dalle prestazioni analitiche di prima istanza (esclusi i prelievi del sangue) alle prenotazioni di prestazioni specialistiche ambulatoriali, con relativo pagamento del ticket e ritiro del referto. Per il gruppo Mondo Farmacia, clicchi qui.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato