Sorprendente scoperta: lo scheletro si sviluppa anche nei grandi, complice l’ormone della crescita. Nuove speranze terapeutiche per l’osteoporosi

Adelaide Terracciano | 01/10/2010 10:26

medicina-generale regioni sanità-pubblica sindacato

Non si finisce mai di crescere. Anche da grandi lo scheletro continua a svilupparsi e l'ormone della crescita 'nutre' e consolida le ossa non solo nei bimbi, ma anche negli adulti. La scoperta a sorpresa, che promette importanti applicazioni nella prevenzione e nel trattamento di malattie sempre più diffuse come l'osteoporosi, è una delle novità che la Cattedra di medicina interna dell'università di Brescia-Servizio di endocrinologia Spedali Civili presenterà al decimo Congresso nazionale della Siommms (Società italiana osteoporosi, metabolismo minerale e malattie dello scheletro), in corso in questi giorni nella città lombarda.

L'ormone della crescita non è essenziale solo per lo sviluppo in età infantile, ma svolge un ruolo importante nella salute dello scheletro anche in età adulta, spiega il presidente del summit bresciano Andrea Giustina, responsabile del Servizio di endocrinologia e del Centro osteoporosi dell'Asl cittadina. Lo dimostrano ricerche condotte a Brescia in collaborazione con vari centri di eccellenza nazionali e internazionali, tra cui Policlinico Gemelli di Roma, il St. Francis Medical Center di Hartford nel Connecticut (Usa), la Columbia University di New York, gli ospedali di Mantova e San Marino.

La scuola di Brescia, ricorda Giustina, è in prima linea nello studio della cosiddetta neuroendocrinologia dell'osso. Negli anni si è focalizzata sul ruolo chiave di alcuni ormoni, in particolare prodotti dalla ghiandola ipofisi, nel mantenere un equilibrio osseo ottimale. Secondo le ultime ricerche, uno degli attori protagonisti nel metabolismo osseo è proprio l'ormone della crescita. Una serie di studi molecolari e cellulari, poi replicati sia su cavie che nell'uomo e pubblicati dal gruppo bresciano sulla rivista 'Endocrine Reviews', hanno infatti dimostrato che anche nell'adulto il complesso sistema endocrino regolato dall'ormone della crescita stimola l'attività degli osteoblasti, le cellule-fabbrica dell'osso.

Fonte: Endocrine Reviews