2018, mancheranno i medici

Redazione DottNet | 07/10/2010 20:08

medicina ssn

In Italia cresce l'allarme medici, soprattutto in prospettiva di un calo nelle immatricolazioni universitarie nelle lauree abilitanti in Medicina e Chirurgia. Entro il 2018, infatti, ne mancheranno circa 22.000, ma già dal 2012 si toccherà il saldo negativo tra pensioni e nuove assunzioni. Dopo le preoccupazioni in materia più volte espresse dall'ordine, questa volta le preoccupazioni sono contenute nel Piano sanitario nazionale.

 Secondo i dati contenuti nel piano, infatti, dal 2012 al 2018 si prevede una carenza di medici pari 18.000 unità nel solo Servizio sanitario nazionale, che salirebbe a 22.000 considerando anche il privato. Da qui la richiesta di un ampliamento dell'offerta formativa che però potrà portare a qualche risultato non prima del 2019.La forbice tra uscite ed entrate nel Ssn, si legge nella bozza del piano sanitario nazionale, ''tenderà ad allargarsi negli anni a seguire data la struttura per età ed il numero di immatricolazioni al corso di laurea in Medicina e Chirurgia, e verosimilmente, tale scenario risulterà ancora più marcato nelle Regioni impegnate con i piani di rientro a causa del blocco delle assunzioni''. Sempre secondo il Piano, nei prossimi anni si passerà da 3,7 medici 'attivi' per 1000 abitanti a 3,5 medici 'attivi' per 1000 abitanti, contro una media europea di 3,1 medici 'attivi'''. Per commentare clicchi qui.