Mercato mondiale a quota 880 mld nel 2011 con una crescita del 5-7%. Pubblicati i dati “Ims Market Prognosis report”

Adelaide Terracciano | 08/10/2010 15:48

Il valore del mercato farmaceutico mondiale crescerà del 5-7% nel 2011, raggiungendo quota 880 miliardi di dollari. Il tutto a confronto con la crescita del 4-5% registrata nel 2010. Sono le previsioni di Ims Health, secondo cui la maggior parte dell'aumento arriverà dai 17 mercati emergenti, dove le vendite avranno un 'boom' del 15-17% a 170-180 miliardi di dollari, risultato della maggiore spesa in sanità. La Cina, in particolare, dovrebbe avere una crescita del 25-27% a oltre 50 miliardi di dollari, consolidando la sua posizione di terzo mercato farmaceutico mondiale. Fra le principali Nazioni sviluppate, il Giappone crescerà del 5-7%, mentre i cinque mercati europei principali (Germania, Francia, Italia, Spagna e Gran Bretagna) dell'1-3% in totale, come il Canada.

Quanto agli Stati Uniti, rimarranno il mercato singolo più grande del mondo, con vendite di 320-330 miliardi di dollari, in aumento del 3-5% rispetto al 2010.

Dal 'Market Prognosis report' di Ims emerge anche che nel 2011, molti farmaci attuali blockbuster dovranno fare i conti con la competizione dei generici. Solo negli Usa,

l'anticolesterolo Lipitor* (atorvastatin) di Pfizer, l'anticoagulante Plavix* (clopidogrel) di Sanofi-Aventis e Bristol-Myers Squibb, l'antipsicotico Zyprexa* (olanzapina) di Eli Lilly e l'antibiotico Levaquin* (levofloxacina) di Johnson & Johnson, che da soli totalizzano oltre 93 milioni di ricette e generano oltre 17 miliardi di dollari. L'effetto dell'arrivo di versioni “low cost” si sentirà a partire dal 2012, prevedono gli esperti.

A beneficiare dell'introduzione sul mercato di nuovi farmaci saranno alcune malattie in particolare: ictus, melanoma, sclerosi multipla, cancro al seno, epatite C. Il lancio di cinque potenziali blockbuster in queste aree sono infatti attesi per il 2011.

Insomma, sintetizza il vicepresidente Ims Murray Aitken, "il prossimo anno alcuni prodotti 'icona' vedranno scadere il loro brevetto e ci sarà una promettente ondata di innovazione. Il 2011 sarà un anno cruciale anche per verificare come i sistemi sanitari reagiranno alla riforme, in un quadro di generale ripresa dalla crisi".

Fonte: “Ims Market Prognosis report”

Per commentare clicchi qui

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato