Possibili effetti delle lesioni della retinopatia diabetica sulla pressione arteriosa oculare

| 14/10/2010 10:14

Le retinopatie diabetiche sono caratterizzate da lesioni morfologiche del fondo oculare e da una riduzione del flusso sanguigno della retina. Le lesioni morfologiche mostrano un modello dinamico caratterizzato da una continua formazione e riassorbimento della lesione grazie ad un turn-over cellulare che può durare giorni o settimane a seconda del meccanismo  fisiopatologico  alla base della patologia. Bek T. e collaboratori hanno determinato attraverso uno studio le relazioni esistenti tra le fluttuazioni a breve termine nella retinopatia diabetica, i fattori di rischio per la prognosi a lungo termine della patologia in esame e  la pressione sanguigna.

A tal fine sono stati monitorati cinque pazienti affetti da retinopatia diabetica moderata non proliferativa. Ad intervalli di una o due settimane è stata  effettuata una fotografia del fondo oculare e una misurazione della pressione sanguigna; sono stati inoltre conteggiati i microaneurismi/emorragie e gli essudati duri nella zona maculare e i cambiamenti in questi conteggi sono stati rapportati ai cambiamenti della pressione arteriosa . Queste analisi sono state eseguite per un periodo di un anno e dai dati raccolti si è osservato che vi è una co-variazione significativa tra i microaneurismi /emorragie e gli essudati duri, ma non una co-variazione significativa per ciascun tipo di lesione con la pressione sanguigna. In conclusione i fattori che inducono la variabilità nelle lesioni della retina causate dal diabete non influenzano la pressione sanguigna.

Bibliografia: Bek T.et all. Lack of correlation between short-term dynamics of diabetic retinopathy lesions and the arterial blood pressure. Graefes Arch Clin Exp Ophthalmol. 2010 Oct 3.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato