Quando ci chiederanno finalmente il nostro parere?!

VITTORIO PRINCIPE | 09/11/2010 09:53

Salve a tutti! Una sola domanda: quando ci chiederanno finalmente il nostro parere su certificati online, visite domiciliari, ADi, burocrazia alle stelle, gratuità delle prestazioni (di cui mi sono realmente stufato), obblighi di qui, obblighi di là?! Se non ci saranno in futuro MMG uno dei motivi è anche la non-appetibilità della professione...

Se un giovane neolaureato anche supermotivato si mette a leggere questi diktat da paesi socialisti degli anni '60 dettati da sedicenti "colleghi" (molti dei quali penso non abbiano fatto un giorno di ambulatorio in vita loro) scappa a gambe levate...cosa dovrebbe spingerlo ad intraprendere questa professione? Soddisfazioni umane? Il paziente è divenuto quasi un nemico....Libertà professionale? Tra imposizioni terapeutiche, note AIFA e protocolli si è arrivati ai limiti di un film del Colonnello Buttiglione: mal di pancia? Pasticca rossa! Tosse? Pasticca verde! E così via....Motivazioni economiche? Tra segretaria, assicurazioni, spese di studio, tasse etc. guadagno meno di un mio amico che lavora in Banca! Ma sembra che una certa categoria di "colleghi" viva su Marte e continui imperterrita a legiferare ai nostri danni...ma perchè non reagiamo? Perchè non diciamo basta a questi sopprusi? Perchè dobbiamo essere sempre l'anello debole della catena e non dire mai nulla? Se un qualcuno per esempio decide che si debbano obbligatoriamente mandare i certificati online e NOI decidiamo che sono una cavolata,che ci fanno perdere tempo e ci tolgono spazio e tempo utile per visitare un paziente semplicemente NON dovremmo farli...tutti insieme e compatti! Quando riusciremo a fare questo, usciremo finalmente dall'infanzia e diventeremo adulti!!!!

Saluti a tutti!

Vittorio Principe