Punturine botox tecniche meno invasivo e più naturale rispetto al lifting

| 28/10/2010 16:33

botulino rughe

Arrivano i trent'anni e per molte donne scatta 'la caccia' alle rughe. Sono in aumento quelle che si regalano l'intervento riparatore del chirurgo plastico: la richiesta, sempre più spesso, è cancellare i primi inestetismi del viso con il botulino. "Molte trentenni hanno ancora una pelle senza tracce evidenti di stress o invecchiamento, ma vogliono comunque il botox", spiega Carlo Magliocca, chirurgo plastico dell'ospedale Fatebenefratelli di Roma, che precisa: "La puntura di botulino non è pericolosa se eseguita da mani esperte. E per le donne giovani non c'è nessun problema".

"La tossina botulinica è un farmaco - spiega l'esperto - che agisce sui gruppi muscolari del viso. La nostra mimica e l'espressività sono controllate dai muscoli antagonisti e agonisti. Le rughe si formano proprio grazie all'azione naturale di questi. Servendoci della tossina blocchiamo selettivamente i gruppi muscolari interessati e siamo in grado di curare l'espressività e migliorare l'aspetto delle rughe del volto". Ma soprattutto "possiamo intervenire su queste donne ancora giovani - conclude lo specialista - senza un intervento chirurgico complesso e complicato come il lifting. Oggi, inoltre, la tossina può essere risolutiva per molti casi clinici".

Fonte: Adnkronos