Restyling intimi per il 5% delle donne dal chirurgo estetico

Dermatologia | | 28/10/2010 16:39

Non solo seno, glutei e labbra. Le donne cercano sempre di più essere 'perfette' intervenendo anche sulle parti intime. Il 5% delle richieste che arrivano al chirurgo estetico, riguarda infatti 'ritocchi intimi'. A spiegarlo è Carlo Magliocca, chirurgo plastico dell'ospedale Fatebenefratelli di Roma: "In Italia, con maggior ritardo rispetto ad altri Paesi europei, è caduto da pochi anni il tabù della chirurgia estetica ai genitali. Oggi sono in aumento le richieste di lipostruttura del monte di Venere e delle grandi labbra e di modellamento delle piccole labbra".

I motivi, secondo l'esperto, vanno rintracciati nelle trasformazioni sociali e sessuali che hanno rivoluzionato l'approccio delle donne alla chirurgia estetica. "Le pazienti che chiedono questo tipo di operazioni hanno un età che varia dai 20 ai 45 anni. I motivi sono legati al cambiamento delle abitudini. Oggi la depilazione totale dei genitali femminili è un 'must', inoltre la biancheria intima è diventata sempre più microscopica. Dieci anni fa le donne arrivavano da noi con ben altri desideri", racconta. Tra i lifting intimi, i più gettonati dal pubblico rosa sono la lipostruttura delle grandi labbra e il modellamento delle piccole labbra. "Il nostro lavoro è quello di dare una forma giusta o ridurre le parti esuberanti - afferma Magliocca - ma possiamo utilizzare anche il lipofilling (l'integrazione volumetrica) per esempio nel caso del monte di Venere, la parte adiposa situata sopra l'osso pubblico".

Non sempre dietro a queste richieste si nascondono effimeri bisogni, spesso ci possono essere vere necessità. "Quando si fanno diete ferree e veloci - risponde il chirurgo - non si tiene conto che il grasso presente nel monte di Venere non va via o crea inestetismi. Ed ecco che molte chiedono di toglierlo o di riempirlo. I risultati sono ottimi se le pazienti hanno una cute giovane e in salute. L'intervento è ambulatoriale e non presenta rischi". Maggior attenzione per quelle che fumano e conducano stili di vita poco equilibrati: in questi casi, spiega lo specialista, i risultati possono essere meno buoni. Nessun timore, infine, per la vita sessuale post-intervento, che, conclude Magliocca, "dopo 10-15 giorni può  riprendere tranquillamente".

Fonte: Adnkronos

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato