Cancro alla prostata, terapia ormonale e radioterapia combinata riduce rischio morte

| 09/11/2010 11:32

Il cancro alla prostata è il tipo di tumore più diffuso nel sesso maschile e circa 36.000 casi vengono diagnosticati ogni anno, un terzo dei quali in stadio già avanzato. Le morti per tumore alla prostata possono essere quasi dimezzate se si aggiunge la radioterapia a quella ormonale. Lo studio presentato alla conferenza del National Cancer research Institute a Liverpool. I ricercatori hanno esaminato 1.200 uomini che avevano un tumore alla prostata che si era esteso anche ai linfonodi per 11 anni: a tutti era stata data una terapia ormonale, mentre circa metà era stata sottoposta a radioterapia per circa due mesi dopo l'intervento di rimozione del tumore.

Dopo sette anni il 79 per cento degli uomini con solo ormonoterapia era ancora in vita, mentre negli altri la percentuale era del 90 per cento, dati che corrispondono a una diminuzione della probabilità di morte del 43 per cento. "Questi risultati mostrano chiaramente i benefici a lungo termine della radioterapia - hanno spiegato gli esperti dell'Universita' di Cardiff - che quindi andrebbe estesa a molti più pazienti con questo tumore".

Fonte: National Cancer Research Institute

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato