A Cattolica Roma chirurgia mininvasiva per artrosi anca

| 15/11/2010 12:22

Risparmio di tessuto osseo, riduzione del dolore e minori complicanze post operatorie. Sono i principali vantaggi delle nuove tecniche di chirurgia mininvasiva Mis (Minimal Invasive Surgery) per la protesi dell'anca. Di questo si è discusso in 'La chirurgia mininvasiva nella profilassi e nel trattamento dell'artrosi dell'anca' al policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma. Il convegno, è stato promosso dal Dipartimento di scienze ortopediche e traumatologiche, è stato diretto da Carlo Ambrogio Logroscino, ed è stata l'occasione per un confronto sulle filosofie protesiche conservative per l'artrosi all'anca, l'articolazione che permette al femore di muoversi rispetto al bacino.

"Il meeting internazionale - spiega l'ortopedico della Cattolica, Giampiero Magliocchetti Lombi, chairman del convegno – ha puntato l'attenzione sulle nuove terapie mininvasive per l'artrosi all'anca". "A fronte dell'esigenza di una sempre minore invasività - aggiunge il coordinatore scientifico del convegno Giandomenico Logroscino - sono state messe a punto tecniche artroscopiche, nuove vie chirurgiche, nuovi disegni protesici, nuovi sistemi di navigazione oltre a una rapida evoluzione dei materiali, realizzati sia per una migliore osteointegrazione, che per nuovi accoppiamenti a bassa usura". Le nuove tecniche mininvasive possono per ora essere impiegate in almeno il 50 % dei casi, ma i continui progressi in questo campo fanno ritenere che in futuro potranno essere impiegate di routine nella maggior parte dei pazienti affetti da artrosi primaria dell'anca.

Fonte: Adnkronos

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato