Farmaci innovativi, Fazio, nessuna differenza di accesso tra le regioni

Redazione DottNet | 18/11/2010 19:29

Sì all'accordo sul diretto recepimento nei Prontuari terapeutici ospedalieri regionali dei farmaci valutati come innovativi dall'Agenzia italiana del farmaco. Lo rende noto il ministero della Salute in un comunicato. L'Accordo nasce dalla volontà del ministro della Salute Ferruccio Fazio, che dopo aver recepito le segnalazioni giunte dai cittadini e dalle associazioni dei pazienti ha avviato una approfondita analisi delle difformità di accesso ai farmaci innovativi nel nostro Paese.

 ''E' un passo importante - ha dichiarato il ministro - per garantire l'uniformità di accesso ai farmaci su tutto il territorio nazionale''. I punti essenziali dell'accordo, ha precisato Fazio, sono due: ''il primo prevede che le Regioni garantiscano da parte degli ospedali l'immediata disponibilità agli assistiti, anche senza il formale inserimento dei prodotti nei prontuari terapeutici ospedalieri regionali, dei medicinali che, a giudizio della Commissione tecnico-scientifica dell'Aifa, possiedono il requisito della innovatività terapeutica, individuata secondo i criteri predefiniti dalla medesima Commissione. Il secondo punto che riveste particolare importanza è l'istituzione presso l'Aifa di un 'Tavolo permanente di monitoraggio dei prontuari terapeutici ospedalieri regionali', dove i rappresentanti dell'Aifa, delle Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano e del Ministero della Salute, lavoreranno al fine di provvedere a fornire periodiche indicazioni e linee guida per l'omogeneizzazione e l'aggiornamento dei Prontuari Terapeutici Ospedalieri Regionali''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato