Aids, 76mila le domande d’indennizzo per danni da trasfusione

| 30/11/2010 16:06

Sono 76.000 le domande di indennizzo presentate al ministero della Salute per i danni da trasfusione per infezioni da epatiti e Aids. Lo ha reso noto l'Associazione politrasfusi italiani a margine dell'incontro organizzato da ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanita' alla vigilia della Giornata mondiale contro l'Aids. 'Le posizioni con i requisiti richiesti per essere ammesse alla transazione sono circa 5.800, ma nonostante i valori italiani siano al di sotto della media europea, l'Italia continua a negare l'adeguamento degli importi per l'indennizzo agli infettati da epatite e da Aids per via trasfusionale o da vaccinazione'.

 Secondo l'Associazione dal 1984 al 2010 sono morte 3.146 perone a causa di epatiti o da Aids a causa di trasfusioni ed emoderivati. Si calcola che sul totale delle persone con l'Aids, 890 hanno contratto la malattia in seguito a trasfusioni o emoderivati. Di questi, 784 sono adulti, 27 bambini e 79 hanno un partner emofilico o trasfuso.