Certificati online: come bloccare l’account del medico “rubandogli” il codice fiscale dalla rete

Silvio Campione | 13/12/2010 09:49

"Basta desumere dalla Rete il codice fiscale di un medico di famiglia per riuscire a bloccagli l'account di accesso alla certificazione elettronica online, costringendolo a richiedere le credenziali di accesso". A segnalare il rischio tilt è la sezione romana della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale).  In un filmato è stata spiegata la procedura attraverso cui "chiunque - sostengono i camici bianchi - può bloccare l'account di un medico impedendogli di effettuare l'accesso" al sistema per "la certificazione online di malattia introdotta dalla legge 'Brunetta'. Tutto questo perché - precisa il sindacato - nella scelta della login in accesso si è scelto il codice fiscale, desumibile dagli elenchi pubblici dell'Ordine dei medici".

Secondo i medici, quindi, in teoria chiunque può inserire nella casella per l'accesso la login giusta. Ma è molto più complicato indovinare la password, e da qui il rischio tilt: infatti, "sbagliando la pass per tre volte, il sistema si blocca, costringendo il titolare a richiederla". Con il sistema del codice fiscale come login, il sindacato stima il "rischio di blocco degli account per l'80% dei medici di famiglia italiani". Ma "tutto ciò può essere evitato modificando il sistema", suggerisce la Fimmg Roma ricordando che "per ora, finché coesisterà la possibilità del cartaceo, sarà possibile certificare su carta. Ma dal 31 gennaio, quando l'obbligo" di certificazione online "andrà in vigore, ci saranno non pochi problemi in termini organizzativi e di tempo". E "le sanzioni non lo sono da meno, perché prevedono il richiamo e il licenziamento del sanitario non ottemperante all'obbligo", conclude la nota, ricordando che "per la realizzazione del sistema sono stati investiti 22 milioni di euro". Il filmato completo dell'inchiesta è visionabile online all'indirizzo

 http://www.fimmgroma.org/modules/GestFimmgRoma/allegati/all_film/certificationline.wmv

 clicchi qui per commentare