Vaccino antipneumococco abbatte ricoveri, primo bilancio italiano

Redazione DottNet | 02/10/2008 11:52

pneumococco polmonite vaccino

Vaccinare tutti i neonati contro lo pneumococco conviene. Nei piccoli al di sotto dei due anni la 'puntura amica' abbatte del 70,5% i ricoveri per polmonite pneumococcica, riduce del 15,2% le ospedalizzazioni da polmonite per tutte le cause e del 36,4% i ricoveri per otite. Il primo bilancio italiano sulla vaccinazione anti-pneumococcica universale arriva dalla Liguria, ed è stato presentato a Milano in occasione del Sesto Congresso mondiale su vaccini, immunizzazione e immunoterapia.
 

Un evento organizzato dall'Icwo (Infections Control World Organization), rivolto a esperti e ricercatori del settore. La Liguria è stata tra le prime Regioni italiane ad avviare, a fine 2003, un programma di vaccinazione anti-pneumococcica per tutti i nuovi nati, ricordano gli specialisti in un incontro promosso da Wyeth nell'ambito del summit internazionale. "E se nel 2004 l'adesione delle famiglie all'offerta gratuita di questa vaccinazione è stata pari a circa il 60%, negli anni è aumentata fino a superare il 90%", spiega Pietro Crovari, ordinario di Igiene e medicina preventiva all'Università degli Studi di Genova. Mentre negli altri Paesi occidentali i benefici diretti e indiretti del vaccino anti-pneumococco sulla salute della popolazione pediatrica sono stati dimostrati da tempo - sottolineano gli specialisti - in Italia mancava una simile prova. Colma dunque una lacuna l'indagine firmata da Paolo Durando dell'Istituto di Igiene dell'università genovese, che ha preso in esame i ricoveri ospedalieri per patologie sicuramente o probabilmente correlate allo pneumococco, confrontando i dati pre- e post-introduzione del vaccino pneumococcico coniugato eptavalente. I risultati appaiono "decisamente convincenti", assicurano i medici: "I tassi di ospedalizzazione per polmoniti e otiti medie si riducono drammaticamente nei bambini minori di due anni di età. Conferma indiscutibile di altre esperienze quale quella dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) Usa", puntualizzano.