Farmaci anti-tabagismo, vanno rimborsati

Redazione DottNet | 11/01/2011 10:00

Bene il calo delle vendite delle sigarette registrato a sei anni dall'entrata in vigore in Italia della legge che vieta le 'bionde' nei luoghi pubblici, ma occorre 'molto di piu' in termini di azioni concrete: Ad esempio, garantire la rimborsabilita' dei farmaci per smettere di fumare come gia' accade in paesi come la Gran Bretagna'. E' la proposta del direttore dell'Osservatorio fumo, alcol e droga dell'Istituto superiore di sanita', Piergiorgio Zuccaro.

'Il dato certamente positivo - ha commentato l'esperto - e' che gli italiani cercano di fumare di meno ed il calo delle vendite di sigarette e' un dato reale'. Tuttavia, ha messo in guardia Zuccaro, 'si deve tenere conto anche di fenomeni di vendita di sigarette di contrabbando, soprattutto via Internet; un fenomeno, quest'ultimo, difficile da 'misurare' ma presente'. Ad ogni modo, ha proseguito Zuccaro, 'l'obiettivo da porsi sul lungo termine e' quello almeno di dimezzare il numero attuale di fumatori, e questo e' possibile solo attraverso azioni concrete e mirate, prendendo esempio da paesi come Gran Bretagna e Francia'. Proprio in Gran Bretagna infatti, ha ricordato il tossicologo, 'il governo ha finanziato il rimborso dei farmaci utili per smettere di fumare, decidendo che conviene investire in tal senso perche' il costo delle patologie fumo-correlate nella popolazione sarebbe di gran lunga maggiore. Ed in Francia i farmaci anti-fumo vengono rimborsati al consumatore con un ticket'. Ed i costi non sarebbero esorbitanti: 'Abbiamo calcolato - ha affermato Zuccaro - che per garantire un ciclo di terapia farmacologica anti-fumo per 500 mila persone basterebbero 200mila euro, una cifra tutto sommato contenuta ma mirata ad un'azione concreta ed efficace'. Invece, 'oggi in Italia i farmaci anti-fumo sono a carico del consumatore. La nostra proposta - ha concluso l'esperto - va in direzione opposta: si potrebbe ad esempio pensare ad un meccanismo di rimborsabilita' tramite i centri antifumo pubblici'.