Tumori al seno, ricerca italiana per ridurne l’aggressività

| 31/01/2011 20:16

Interrompere la comunicazione tra oncogeni, ovvero geni modificati, e particolari proteine per ridurre l'aggressività del tumore al seno. E' la via indicata in uno studio pubblicato sulla rivista Plos-One e frutto del lavoro del team di ricercatori coordinati da Paola Nisticò del Laboratorio di Immunologia dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (Ire) di Roma, in collaborazione con l'Università Sapienza di Roma e con l'Istituto San Raffaele di Milano. La ricerca mostra infatti che il 70% dei tumori al seno che esprimono l'oncogene Her-2 è positivo anche alla presenza della proteina hMena. E questi due elementi, affermano i ricercatori, vengono co-espressi proprio da quelle neoplasie del seno con l'andamento clinico peggiore.

 Lo studio è stato condotto su biopsie di tumori mammari presso l'IRE e ha dimostrato la co-presenza di hMena e Her2 nelle neoplasie più gravi, suggerendo così un ruolo per hMena nella progressione di questi particolari tumori. Per suffragare i dati, sono stati quindi effettuati studi in vitro utilizzando colture cellulari di carcinomi mammari hMena e Her2 positivi. Con questi esperimenti i ricercatori hanno dimostrato che 'silenziando' hMena è possibile inibire la proliferazione tumorale promossa da Her2. Lo studio apre una strada interessante, come suggerisce Paola Nisticò: ''Si potrebbero infatti individuare - spiega l'esperta - farmaci inibitori di hMena per interrompere i segnali che ne permettono la cooperazione col gene Her2, migliorando così il decorso clinico dei tumori al seno più aggressivi''. Inoltre, concludono i ricercatori, ''il ruolo di queste strutture di filamenti proteici hMena e le loro modificazioni nei tumori rappresentano una nuova area di ricerca che studia i meccanismi biochimici e biomeccanici che aiutano il tumore nella sua crescita''.