Aids, cura ormonale migliora il sistema immunitario

Infettivologia | | 09/02/2011 16:28

Scienziati australiani hanno studiato una maniera di potenziare il sistema immunitario, con una tecnica che si è dimostrata capace di liberare topi di laboratorio da un'infezione 'tipo Hiv'. In uno sviluppo che rende più vicina una cura per l'Hiv ed altre infezioni virali croniche, la ricerca dell'Istituto Walter and Eliza Hall di Melbourne, pubblicata sulla rivista Cell, è imperniata su un ormone che si produce naturalmente, la interleuchina-7 (IL-7), i cui segnali fanno scattare le difese immunitarie. Quando è stata somministrata ai topi una versione sintetica dell'ormone, spiega l'immunologo Marc Pellegrini che ha guidato lo studio, ''la risposta immunitaria è stata potenziata in maniera profonda'', al punto di liberarli da un virus considerato molto vicino all'Hiv.

 ''Abbiamo dimostrato che l'uso persistente per tre settimane può effettivamente eliminare l'infezione e presumiamo che questo sia traducibile negli esseri umani. E' la prima volta che abbiamo usato la IL-7 terapeuticamente per curare un'infezione e riteniamo probabile anche la sua traducibilità all'Hiv'', aggiunge. La interleuchina-7 svolge un ruolo chiave nello sviluppo e nel mantenimento del sistema immunitario, e le dosi aggiuntive somministrate ai topi hanno mostrato di rinvigorire le cellule-killer T del sistema immunitario, che ricercano e uccidono gli invasori. Criticamene, questo non ha fatto scattare una massiccia super-reazione che avrebbe potuto indurre il sistema immunitario ad attaccare parti sane del corpo in una micidiale risposta autoimmunitaria, spiega Pellegrini.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato