Reflettometri, affidabilità a rischio con la gara Consip

Redazione DottNet | 21/02/2011 19:48

diabetologia glicemia insulina medicina-generale ssn

A rischio l'affidabilità dei dispositivi, i cosiddetti 'reflettometri, con cui le persone malate di diabete eseguono i controlli della glicemia. La Consip (Concessionaria servizi informativi pubblici), in attuazione di una sentenza dell'Antitrust, ha infatti deciso di indire una gara d'appalto per un unico fornitore nazionale di presidi e di ausili tecnici per le persone con diabete. La denuncia è di Antonio Cabras, presidente della Federazione diabete giovanile, secondo cui ''c'è il rischio che solo i pazienti che si possono permettere di acquistare un dispositivo a pagamento potranno continuare ad avere libertà di scegliere''.

 

 

''Tutti gli altri, se sarà indetta la gara d'appalto, dovranno - aggiunge - acquistare l'unico dispositivo rimborsato dal Servizio sanitario nazionale, e questo non potrebbe andare bene a molte persone, tra cui molti giovani''. Il diabete, ricorda Cabras, colpisce circa 2 milioni di persone in Italia, di cui 15 mila giovani ''che devono imparare, con il tempo, ad autogestire la propria malattia in termini di controlli glicemici e di terapia insulinica. E' evidente che, soprattutto per un bambino, e' importante utilizzare presidi ai quali si è abituato negli anni e che rappresentano per lui qualcosa di cui fidarsi''. Gli ultimi dispositivi, ad esempio, continua il presidente della Federazione diabete giovanile, ''consentono di misurare la glicemia con degli aghetti, e quasi non ci si accorge di fare la puntura. Per questo cambiare strumento potrebbe essere dannoso. Stiamo cercando di fare pressione affinché la Consip ritorni sui propri passi''.