Medico dell’Asl continua a somministrare un farmaco pericoloso: morta. La famiglia sarà risarcita con 500mila euro

Medicina Generale | Redazione DottNet | 28/02/2011 09:47

Per la morte a 18 anni di una ragazza di Dolo (Venezia) dopo un trattamento farmacologico, l'Asl dovrà risarcire la famiglia con 500 mila euro. Lo ha stabilito il Tribunale a conclusione della causa civile intentata dai genitori nel 2005, tre anni dopo il decesso della giovane. La ragazza è morta per necrosi del fegato causata, secondo i giudici, da un trattamento effettuato in ospedale con un farmaco a base di leflunomide, una sostanza che agisce come immunosoppressore e utilizzata contro una forma di artrite reumatoide.

 Il medicinale, tuttora presente nel prontuario farmaceutico italiano, secondo il legale dei genitori, Mauro Zenatto, 'negli Stati Uniti è stato sospeso perché giudicato troppo pericoloso'. Era stata la stessa ragazza navigando in internet, come riportano i giornali locali, a scoprire che il farmaco assunto poteva provocare problemi. Per questo aveva chiesto spiegazioni al medico che la stava curando, che aveva però continuato la somministrazione. Dopo 10 mesi dall'inizio della terapia è avvenuto il decesso. 'Vi è stata una carenza del consenso informato rispetto al farmaco della paziente - rileva Sandro Marcolin, medico legale della famiglia e sindaco di Piove di Sacco - e la causa acclarata della morte è stata attribuita al medicinale, contro il quale c'erano già state diverse segnalazioni'.

Un articolo di grande interesse può essere di particolare utilità ai vostri amici, ai vostri colleghi. E allora perché non condividerlo con loro? Sicuramente  trarrebbero un grande vantaggio dal poter essere aggiornati – come lo siete voi grazie a Dottnet – su tutto ciò che accadde nel mondo della sanità della ricerca, della politica.  E, una volta condivise con loro le notizie che ritenete interessanti, il bagaglio di conoscenze di ognuno ne risulterà sicuramente accresciuto. Con vantaggi di tutti, anche per  i vostri pazienti.  DottNet offre, così, agli iscritti la possibilità di condividere e di scambiare gli articoli e le informazioni  con i propri colleghi, sia con coloro  che fanno parte della community sia con quelli che fanno parte della vita professionale. In maniera semplice, veloce e intuitiva DottNet può, dunque, trasformarsi in una sorta di grande piazza telematica a disposizione di tutti con l’obiettivo di far socializzare e condividere nozioni e best practice.

Inoltra e condividi con i tuoi amici e colleghi questo articolo:

per farlo leggi le informazioni cliccando qui

Oppure segui le semplici istruzioni cliccando qui

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato