Via libera dal Consiglio dei ministri alla modernizzazione degli Ordini. Ogni cittadino avrà il suo fascicolo sanitario elettronico. Più pediatri

Silvio Campione | 11/03/2011 09:44

Il 'disco verde' del Consiglio dei ministri al disegno di legge delega proposto dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio, su 'Sperimentazione clinica e altre disposizioni in materia sanitaria' incassa la soddisfazione del responsabile del dicastero di Lungotevere Ripa. "Con questo Ddl delega - spiega il ministro - viene migliorata la funzionalità del Servizio sanitario nazionale e delle prestazioni erogate per offrire ai cittadini risposte sempre più appropriate e qualificate ai loro bisogni.

Sono ampliate le garanzie in diversi e importanti settori tra cui la sperimentazione clinica dei medicinali, che viene potenziata con una serie di semplificazioni procedurali anche per attrarre le imprese farmaceutiche e dare maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani ricercatori". "Il riordino delle professioni sanitarie - aggiunge - consentirà di modernizzare gli Ordini e le Federazioni nazionali, nel segno della qualità e competenza professionale: particolare valore verrà dato ai contenuti etici e civili delle attività sanitarie e a tale scopo sarà data maggiore forza ai codici deontologici e alle connesse attività disciplinari. Con la sanità elettronica valorizzeremo il Fascicolo sanitario elettronico che, con le tutele previste dal Garante della Privacy, diventerà anche uno strumento di monitoraggio delle patologie prevalenti nel nostro Paese". Viene delegato al Governo il riassetto e la semplificazione della normativa in materia di sperimentazione clinica dei medicinali per uso umano, da attuarsi entro nove mesi dall'entrata in vigore della legge delega attraverso l'emanazione di uno o più decreti legislativi , acquisito il parere della Conferenza delle Regioni. I decreti dovranno prevedere il riordino, l'individuazione, nonché la riduzione, del numero degli attuali 269 'Comitati etici', con predisposizione di criteri di certificazione, prevedendo in ogni caso almeno un Comitato etico per ogni Regione e tenendo in considerazione il numero di Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico presenti. Ma anche l'individuazione dei requisiti dei centri autorizzati alla conduzione delle sperimentazioni cliniche dalla fase 0 alla fase IV; meccanismi di valutazione delle performance delle aziende sanitarie pubbliche nell'ambito delle sperimentazioni cliniche; l'istituzione di un portale di consultazione per il cittadino.Si prevede con una delega al Governo il riordino della disciplina degli Albi, degli Ordini e delle relative Federazioni nazionali dei medici chirurghi, degli odontoiatri, dei farmacisti e dei medici veterinari che saranno soggette alla vigilanza del ministero della Salute. Saranno rafforzati i codici deontologici, la formazione e l'aggiornamento professionale. Si prevede infine il riordino delle attività idrotermali e la promozione del turismo termale.

SANITA' ELETTRONICA - Verrà istituito per ogni cittadino il Fascicolo sanitario elettronico (Fse), fino ad oggi non disciplinato a livello nazionale da norme di carattere primario o secondario. Il Fascicolo, definito come "l'insieme dei dati e documenti digitali di tipo sanitario e socio-sanitario generati da eventi clinici presenti e trascorsi riguardanti l'assistito", verrà istituito dalle Regioni nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali a fini non solo di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, ma anche di studio e ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico. E, infine, programmazione, gestione, controllo e valutazione dell'assistenza sanitaria.

PEDIATRI - 'Bene l'aumento dei posti di specializzazione nelle scuole di Pediatria annunciato dal ministro Fazio anche se non risolve il problema delle mancate assunzioni, che aumentano la precarietà fino ad oltre 40 anni di età e mettono a rischio il sistema dell'emergenza nell'età evolutiva, soprattutto in assenza di integrazione ospedale territorio, e della fuga dalla pediatria ospedaliera a quella convenzionata, dettata da maggiori vantaggi economici e minori disagi di un lavoro sempre più rischioso in strutture spesso obsolete'. Lo dichiarano i medici dirigenti Anaao- Assomed, facendo notare che il problema della carenza prossima di medici, che l'Anaao Assomed insieme a tutte le sigle sindacali di categoria aveva posto tra i motivi dello sciopero del 19 luglio dello scorso anno contro la legge 122, è tornato alla ribalta della cronaca. 'La questione ovviamente - aggiungono - non riguarda solo i pediatri e non può essere affrontata solo aumentando il numero di alcuni specialisti. La soluzione non può essere che anticipare l'incontro tra sistema formativo e sistema assistenziale cui fornire la quantità e qualità di medici necessarie alla sua missione. Pena l'aumento notevole del rischio di errori medici e conflittualità locali. 'Il servizio sanitario - avvertono i medici dirigenti - non può aspettare 11 anni per avere un pediatra o un chirurgo o un internista, peraltro in formato grezzo, in condizioni subalterne ad un mondo accademico autoreferenziale che si considera variabile indipendente del sistema'.

LAVORO NOTTURNO USURANTE PER MEDICI E INFERMIERI - Il lavoro notturno in sanità sarà presto considerato usurante. E' in arrivo per la prima volta - con l'imminente approvazione definitiva del decreto legislativo in attuazione della legge 183 del 2010 - una regolamentazione organica dei benefici pensionistici per i lavori particolarmente usuranti, tra i quali rientrerà anche il lavoro notturno dei dipendenti in sanità, a partire da medici e infermieri. ''Si tratta di un obiettivo da noi sempre perseguito - dichiarano in una nota Cecilia Taranto, segretaria nazionale Fp-Cgil e Massimo Cozza, segretario Nazionale Fp-Cgil Medici - e per il quale finalmente raggiungiamo un primo risultato, anche se con diverse limitazioni''. Chi svolge da 64 a 71 turni notturni annui, in particolare, potrà andare in pensione un anno prima, da 72 a 77 notti due anni prima e da 78 notti in poi con tre anni di anticipo. Per le pensioni con decorrenza entro il 2017, così come definito dalla legge 247 del 2007, il beneficio potrà essere concesso solo a chi ha svolto il lavoro notturno in modo regolare e continuativo per almeno sette anni negli ultimi dieci di attività lavorativa. Dal 2018 il lavoro notturno dovrà essere svolto per metà della vita lavorativa complessiva. "Rimane tuttavia - aggiungono Taranto e Cozza - il nodo delle risorse finanziarie disponibili gia' programmate, che potrebbero essere insufficienti facendo scattare criteri di priorità in ragione della maturazione dei requisiti. In sanità, inoltre, rischiano di essere esclusi i medici di guardia medica e tutti coloro che svolgono lavoro precario non dipendente". Continueremo pertanto a batterci, concludono i due sindacalisti, "per garantire il diritto al riconoscimento di attività usurante, con i conseguenti benefici pensionistici, a tutti coloro che svolgono in modo costante il lavoro notturno in sanità, convenzionati e precari compresi".

Un articolo di grande interesse può essere di particolare utilità ai vostri amici, ai vostri colleghi. E allora perché non condividerlo con loro? Sicuramente  trarrebbero un grande vantaggio dal poter essere aggiornati – come lo siete voi grazie a Dottnet – su tutto ciò che accadde nel mondo della sanità della ricerca, della politica.  E, una volta condivise con loro le notizie che ritenete interessanti, il bagaglio di conoscenze di ognuno ne risulterà sicuramente accresciuto. A vantaggio di tutti, anche per  i vostri pazienti.  DottNet offre, così, agli iscritti la possibilità di condividere e di scambiare gli articoli e le informazioni  con i propri colleghi, sia con coloro  che fanno parte della community sia con quelli che fanno parte della vita professionale. In maniera semplice, veloce e intuitiva DottNet può, dunque, trasformarsi in una sorta di grande piazza telematica a disposizione di tutti con l’obiettivo di far socializzare e condividere nozioni e best practice.

Inoltra e condividi con i tuoi amici e colleghi questo articolo:

per farlo leggi le informazioni cliccando qui

Oppure segui le semplici istruzioni cliccando qui

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato