Fra due anni il 60% degli europei andrà all’estero per farsi curare

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 14/04/2011 20:05

'Da una nostra indagine giàsappiamo cheil 60% dei cittadini europei èpronta a migrare per farsi curare' quando 'fra due anni, non esisteranno piùconfini terapeutici. E' una sfidacolossale e globale, bisogneràtrovare un compromesso'. Lo spiega Walter Ricciardi, direttore dell'Istituto di Igiene e Sanità pubblica all'UniversitàCattolica del Sacro Cuore e responsabile del coordinamento scientifico Simm, la societàitaliana medici manager che terrà a battesimo la nascita dell'Alleanza europea dei medici manager (Eamm) che ha tra le finalitàanche quella di gestire il nuovo fenomeno.

 'Il Commissario europeo - sottolinea Ricciardi - ha vinto una battaglia contro ogni previsione: abbattere i confini della migrazione sanitaria in Europa. Cosi', tra due anni, non esisteranno piùconfini sanitari'. Una 'sfida colossale' per i sistemi sanitari nazionali ma che 'consentiràanche al giovane di Fuorigrotta di scegliere di farsi curare il ginocchio al centro ortopedico di Marsiglia, dove oggi arriva soltanto il calciatore del Napoli'. Ma 'se non ci attrezziamo - avverte Ricciardi - saràuna rivoluzione, masse di cittadini in movimento. Saremo travolti'.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato