Glaxo cede farmaci otc

Redazione DottNet | 22/04/2011 10:17

aziende-farmaceutiche farmaci otc

Il gruppo farmaceutico britannico GlaxoSmithKline (Gsk) ha deciso di cedere alcuni brand Otc per razionalizzare il proprio portafoglio prodotti nel Consumer Healthcare, concentrandosi su medicinali prioritari e sui mercati emergenti. I prodotti che saranno ceduti e che sono commercializzati soprattutto in Europa e negli Stati Uniti - annuncia una nota - hanno registrato vendite per 500 milioni di sterline nel 2010, il 10% del fatturato totale di Gsk nel settore. Includono analgesici, integratori vitaminici, trattamenti per l'igiene intima e per il controllo del peso, come l'anti-obesita' da banco Alli* (orlistat).

Individualmente - precisa Gsk - i marchi da cedere rappresentano un patrimonio forte e con buone prospettive, ma Gsk riconosce di non avere abbastanza massa critica in alcune categorie di prodotti, mentre altri marchi non corrispondono alle priorita' globali del gruppo. Gsk ritiene pertanto che altre societa' possano massimizzare le potenzialita' che essi offrono.
 A seguito della cessione, il business Consumer Healthcare di Gsk si focalizzera' su tre categorie: salute orale, benessere e nutrizione, nei quali la societa' possiede marchi leader in rapida crescita. Commentando l'intenzione di cedere i marchi, l'amministratore delegato di Gsk Andrew Witty ha detto: "Il Consumer Healthcare e' un driver di crescita per Gsk. Ma e' importante che ci concentriamo su categorie di prodotti, marchi e mercati in cui abbiamo piu' vantaggio competitivo, con le migliori prospettive di crescita.
Questa cessione e' anche un esempio del nostro impegno a concentrarci sulla realizzazione di valore per i nostri azionisti".