Convegno 3-Fnomceo / Alcuni sindacati assenti alla conferenza

Redazione DottNet | 31/07/2008 16:03

convegno

Alcuni sindacati dei medici non partecipano alla conferenza della professione medica organizzata a Fiuggi dalla federazione degli ordini dei medici, Fnomceo, perchè quest'ultima 'non ha portato avanti un progetto di autoriforma'.

Lo sottolineano in un comunicato congiunto Aaroi, Anpo, Fials medici, Ascoti, Coas,Federazione medici Uil, Cgil medici e Simet. ''Non siamo presenti a Fiuggi - scrivono - anche se rappresentiamo oltre 30.000 medici. Pur trattandosi di una iniziativa apprezzabile, non si sono tuttavia determinate le condizioni per una nostra partecipazione, in assenza di una effettiva condivisione dei percorsi di una Federazione da rinnovare''. ''E' una Conferenza promossa da una Federazione - scarsamente rappresentativa dei 359.000 medici italiani obbligatoriamente iscritti - che non ha portato avanti un progetto di autoriforma, basilare per un suo rilancio tra i medici, prima ancora che tra i cittadini - continua il comunicato - basti pensare che ha votato per gli attuali vertici ordinistici meno del 10% dei medici. E su questo terreno di effettivo cambiamento, in primo luogo delle regole, continuiamo a chiedere un preciso e fattivo impegno della Fnomceo fino ad oggi assente - per una riforma della legislazione ordinistica''. Pronta la risposta del presidente dell'Ordine dei Medici Amedeo Bianco che ha espresso ''dispiacere'' per la defezione di alcuni sindacati, defezioni per le quali, secondo il presidente nazionale dei medici, ''esiste uno spirito pregiudiziale''. La spaccatura della categoria medica in questa occasione che doveva rappresentare il primo grande confronto con il nuovo governo, ha spiegato Bianco, potrebbe essere già superata, auspica, a breve. ''Ci sono delle imprecisioni nelle dichiarazioni dei sindacati - ha detto Bianco - conoscevo questa posizione dei sindacati già nei giorni scorsi e ne avevo discusso con il consiglio nazionale. Chi non è venuto non si è sottratto a una federazione egenomica ma a un progetto di lavoro''.