Ue, più sicurezza per i farmaci vegetali

Redazione DottNet | 29/04/2011 16:47

aziende farmaci sanità-pubblica

Medicinali vegetali tradizionali piu' sicuri ed efficaci per i consumatori europei. Lo prevede una direttiva europea che entrera' in vigore definitivamente dal primo maggio, dopo un periodo di transizione di sette anni. La norma stabilisce che solo i medicinali registrati o autorizzati possono rimanere sul mercato Ue. La direttiva, spiega la Commissione europea, introduce inoltre una procedura semplificata di registrazione rispetto agli altri prodotti medicinali, in considerazione dell'uso da lunga data che si fa delle erbe medicinali tradizionali. Allo stesso tempo, offre tutte le garanzie necessarie per quanto concerne la qualita', sicurezza ed efficacia di questi medicinali.

La procedura semplificata introdotta dalla direttiva sui medicinali vegetali consente di registrare questi prodotti senza procedere, ad esempio, alle prove di sicurezza e ai test clinici che sarebbero richiesti in una procedura normale. La norma comunitaria, precisa Bruxelles, non bandisce i medicinali tradizionali dal mercato europeo. Al contrario, introduce una procedura di registrazione piu' agevole, semplice e meno costosa rispetto a quella che si applica agli altri prodotti. Inoltre, non vieta vitamine, integratori minerali e infusi di erbe cosi' come le terapie e i terapeuti alternativi, l'omeopatia, le piante o i libri sulle piante.