Luce solare, soia e tè verde proteggono prostata

Urologia | Redazione DottNet | 09/10/2008 10:25

Sole, soia, tè verde e una dieta ricca di pesce e verdure per tenere lontano il cancro alla prostata. Le indicazioni arrivano da alcuni studi presentati a Roma in occasione del Congresso per il centenario della Società italiana di urologia (Siu). L'esposizione alla luce del sole, dicono gli esperti, esercita un'azione protettiva contro la malattia e in particolare sui suoi tassi di mortalità.
"Mantenere un'adeguata quantità di vitamina D, grazie all'esposizione ai raggi solari - spiega Antonio Sasso, urologo dell'università Cattolica di Roma - evita un eccesso di calcio nell'organismo e al tempo stesso l'avanzare delle metastasi".
 

Spesso, ricorda infatti una nota, il cancro alla prostata 'invade' le ossa. "La luce del sole - continua l'esperto - permette che le ossa dei malati, spesso colpiti da osteoporosi, si fissino diventando in un certo modo più forti, senza quindi essere colpite dalle cellule tumorali. Ciò consente quindi di veder diminuire la mortalità di questo tumore". Anche la dieta, però, è un utile fattore di prevenzione. "Gli ultimi studi condotti negli Stati Uniti - aggiunge Sasso - dimostrano che una dieta povera di grassi, ma ricca di soia, tè verde, pesce e verdure è ottima come protezione e che è bene invece ridurre il consumo di carne rossa, latte, formaggio e burro.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato