Medici di famiglia a congresso (Aimef): tra futuro e sanità elettronica, le prospettive per la professione

Redazione DottNet | 18/05/2011 14:45

La trasmissione online dei certificati di malattia, l'attestazione delle esenzioni per reddito, l'introduzione degli infermieri nelle cure domiciliari sono solo le ultime vicende che hanno coinvolto i medici, modificando tempi e modi delle relazioni con gli assistiti. Questi i temi al centro del 18* Congresso Nazionale dell'Associazione italiana dei medici di famiglia (Aimef) che si svolgerà a Chia (Cagliari) dal 20 al 22 maggio prossimo sul tema: 'Quali prospettive per il lavoro e il ruolo del medico di famiglia?'.

 Le ultime novità legislative - ma anche i progressi tecnologici che sembrano spingere sempre più verso una medicina 'hi-tech' e sempre meno 'hi-touch' - aprono nuovi scenari davanti ai medici di famiglia e l'associazione illustra la sua posizione: 'La capillare presenza dei medici di famiglia viene sottovalutata - spiega il presidente Aimef, Tristano Orlando - ha un potenziale informativo altissimo ai fini della conoscenza degli effetti di farmaci o delle modalità di diffusione delle malattie, ma viene attualmente utilizzato solo come strumento di controllo fiscale. Non diciamo 'no' agli obblighi di legge che ci chiedono di apporre l'esenzione per reddito, ma il nostro ruolo di medici prevede una relazione fiduciaria con le famiglie che in questo modo rischia di essere minata'. In programma, nella tre giorni di Chia, le questioni d'attualità della professione: ticket, rimborsi farmaceutici, farmaci equivalenti, riorganizzazione del pronto soccorso, bilancio di un anno della legge sul dolore (l.38/2010), implicazioni della medicina difensiva, rischi di malpractice.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato